UNIONE EUROPEA

REPUBBLICA

ITALIANA

REGIONE SICILIANA

Progetto CowTech

PO FESR Sicilia 2014 – 2020, Asse 1, Azione 1.1.5 (dicembre 2020 – giugno 2023)

Innovazioni tecnologiche negli allevamenti per bovine da latte: sviluppo del prototipo  di un sistema automatico di monitoraggio del comportamento delle bobine per il miglioramento del benessere e delle prestazioni produttive e riproduttive

Totale finanziamento progetto: € 1.972.759,00

Contributo a favore di VICOSYSTEMS: € 244.174,00

Descrizione

Oggigiorno, l'internet delle cose trova sempre più consenso pubblico e rappresenta, una crescente occasione di sviluppo per tanti settori, come ad esempio la sanità, i trasporti, la pubblica amministrazione. Il concetto di base di IoT è che gli oggetti ("cose") possono interagire con la rete e trasferire dati e informazioni al fine di migliorare i servizi sul territorio. Nel paradigma IoT può essere conferita una "identità elettronica" a tutto ciò che forma il mondo che ci circonda, attraverso, ad esempio, Rfid (Identificazione a radio frequenza) e altre tecnologie (QR code). Nascono, pertanto, il concetto di Big Data e le relative problematiche connesse con l'analisi e la gestione automatica di tali informazioni off-line o in tempo reale.

Attraverso la collaborazione sinergica tra partner aziendali di alta connotazione ICT (T.Net Italia SpA, Homatron S.r.l., Vicosystems S.r.l.) e partner di ricerca scientifica a spiccata vocazione territoriale (Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università degli Studi di Catania e Centro di ricerca per la filiera lattiero-casearia – Corfilac), il progetto CowTech ha l’obiettivo di estendere il paradigma IoT (Internet of Things) alle aree rurali ad elevata vocazione zootecnica, con particolare riferimento a quelle interessate dalla presenza di allevamenti per bovine da latte. Si ritiene, infatti, che, nell’ambito del mercato globale, l’innovazione tecnologica acquisita dalle aziende partner in virtù della collaborazione con gli enti di ricerca, e trasferita agli allevamenti per  bovine da latte tramite il progetto CowTech potrebbe rivestire un ruolo trainante per lo sviluppo di due importanti filiere agroalimentari siciliane, quella del latte e quella dei prodotti caseari, di cui gli allevamenti per bovine da latte ne costituiscono il primo anello.

Obiettivi e finalità

Tutti gli allevamenti da cui proviene latte destinato all’alimentazione umana o all’industria lattiero-casearia devono necessariamente rispondere a requisiti stabiliti dalle norme vigenti. Tra questi, di particolare importanza, quelli relativi al benessere degli animali che non devono essere portatori di malattie trasmissibili all’uomo o presentare danni fisiologici tali da alterare la qualità del latte.

L'obiettivo di CowTech, pertanto, sarà perseguito mediante lo sviluppo di un prototipo di sistema automatico basato su una infrastruttura di rete wireless e su sensori indossabili che consenta il monitoraggio del comportamento di bovine da latte, finalizzato al miglioramento del benessere e delle prestazioni produttive e riproduttive. Il prototipo sviluppato in CowTech funzionerebbe secondo una logica di sistema e non di singola azienda. I dati acquisiti dalle diverse aziende (Big Data) mediante il prototipo, infatti, saranno raccolti su un "cloud" ed elaborati dal sistema stesso al fine di fornire un servizio "intelligente", omogeneo dal punto di vista delle risposte prodotte e fornite agli allevatori presenti nella porzione di territorio dotata della infrastruttura.

Struttura progetto

Per lo sviluppo del prototipo, le azioni previste dal COWTECH – P.O. FESR SICILIA 2014/2020 per lo sviluppo del prototipo coinvolgeranno sia porzioni di territorio sia singole aziende ubicate nelle aree territoriali selezionate nel progetto.

Le strategie da attuare per lo sviluppo del prototipo possono essere raggruppate nelle macro-azioni di seguito
sinteticamente riportate:

  1. Realizzazione dell’infrastruttura LoRA WAN e individuazione delle aziende zootecniche che parteciperanno allo sviluppo del prototipo.

  2. Progettazione e realizzazione dei dispositivi periferici fissi, per il rilievo dei dati ambientali, e mobili da applicare al corpo degli animali per il rilievo delle attività comportamentali.

  3. Progettazione e realizzazione di applicazioni per l’elaborazione dei dati provenienti dai dispositivi periferici.

  4. Test di funzionamento del prototipo.

  5. Valutazione tecnico-economica del prototipo.

  6. Divulgazione dei risultati del progetto.

15.png